FANDOM


Vittoria Colonna
Vittoria Colonna
(Marino, Roma, 1490 - Roma 1547) è stata una nobildonna e poetessa.

Sposò nel 1509 Ferrante d'Avalos, marchese di Pescara e ardente militare e ne rimase vedova nel 1525. I due risiedevano ad Ischia, e la Gonzaga frequentò giovanissima i circoli intellettuali di Napoli, conoscendo molti letterati tra i quali il Sannazzaro.

Dopo la morte del marito, a cui era molto legata, cosa che sconvolse la sua fragile sensibilità, passò la maggior parte del suo tempo in monastero, a Roma, Montecassino, Orvieto e infine di nuovo a Roma. Si prodigò molto nell'assistenza alla popolazione romana durante il sacco del 1527, attirandosi le simpatie di Clemente VII.

NSin dai primi anni trenta frequentò il circolo napoletano di Juan de Valdés, legandosi a tutti i principali membri del gruppo degli "spirituali". Nel 1536 partì per Ferrara: il suo intento forse era quello di raggiungere Venezia e da lì imbarcarsi per la Terrasanta. A ferrara frequentò Renata di Francia e Bernardino Ochino, già conosciuto a Roma nel 1534, e che quindi seguì nella sua attività di predicazione a Bologna, Pisa, Lucca.

Nei primi anni quaranta fu a Viterbo, frequentando il circolo del cardinal Reginald Pole, al quale fu molto legata e con cui intrattenne una importante corrispondenza. Nel 1544 ritornò a Roma, stabilendosi presso il convento di Sant'Anna. Morì nel 1547, già pesantemente intaccata da sospetti di eresia. La morte tuttavia le risparmiò di rimanere coinvolta nelle successive ondate di persecuzione contro gli "spirituali".

Come poetessa è considerata la principale esponente del petrarchismo femminile cinquecentesco. Le sue Rime si concentrano sul dolore per la perdita del marito, ma vi emergono anche i segni della spiritualità valdesiana. Michelangelo, che le fu molto amico nei suoi ultimi anni di vita, fu affascinato dalla sua personalità. dal candore dei suoi costumi e dalla sua continua ricerca di una purezza spirituale, e le dedicò numerose rime.

BibliografiaModifica

  • G. Patrizi, Colonna, Vittoria in DBI,  vol. 27 (1982)
  • M. Forcellino, Michelangelo, Vittoria Colonna e gli spirituali : religiosità e vita artistica a Roma negli anni quaranta, Viella, Roma 2009