FANDOM


Guido Giannetti da Fano è stato un agente diplomatico ed eretico.

BiografiaModifica

Non se ne conoscono le date esatte di nascita e di morte.

Dal 1528 fu segretario dell'ambasciatore inglese a Roma, dove frequentò Soranzo e Carnesecchi. Negli anni trenta si trasferì a Londra e poi a Norimberga. Dal 1539 fu agente segreto di Enrico VIII in Italia, frequentando di nuovo Carnesecchi e Soranzo e tutti gli altri membri del circolo degli "spirituali". Nel 1545 fuggì da Roma per scampare l'arresto. Si stabilì a Venezia, compiendo una missione in Germania per sondare le possibilità di un'alleanza tra la lega di Smalcalda, l'Inghilterra e Venezia stessa in funzioni antipapale e antiasburgica. Fu anche ospitato da Soranzo a Bergamo, ma infine dovette di nuovo tornare in Inghilterra per nscampare la persecuzione. Rientrato ancora a Venezia all'avvento al trono inglese di Maria Tudor e allentatisi i suoi rapporti con la corte inglese anche con l'avvento di Elisabetta e la restaurazione anglicana, negli anni del papato di Pio IV fu protetto dal nunzio Di Capua.

Ma con l'elezione al papato di Pio V le cose precipitarono anche per Giannetti. Arrestato nell'estate 1566, fu subito estradato a Roma. Pentitosi, collaborò con l'Inquisizione e questo gli evitò la condanna a morte: il suo processo si concluse nel maggio 1569 con la condanna al carcere perpetuo.

BibliografiaModifica

  • M. Firpo, D. Marcatto, Il processo inquisitoriale del cardinal Giovanni Morone. Nuova edizione critica, vol. I: Il processo d’accusa, con la collaborazione di Luca Addante e Guido Mongini, Roma, Libreria Editrice Vaticana, 2011, pp. 22-23, nota 45
  • G. Dall'Olio, Giannetti, Guido in DSI, vol. 2, p. 676
  • A. Stella, Guido da Fano eretico del secolo XVI al servizio del re d'Inghilterra in "Rivista di storia della Chiesa in Italia", XIII, 1959, pp. 196-238

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.