FANDOM


Ggonzaga
Giulia Gonzaga (Gazzuolo 1513 - Napoli, 10 aprile 1566) è stata una nobildonna del Cinquecento sospettata di eresia.

BiografiaModifica

Membro della famiglia dei duchi di Sabbioneta, sposò a 14 anni, nel 1526, Vespasiano Gonzaga conte di Fondi, che morì prematuramente, nel 1528.

Governò quindi da sola il suo stato, trasformandolo in un raffinato centro di cultura.

Nel 1535 conobbe Pietro Carnesecchi e Juan de Valdés. Nel 1536 rimase folgorata dalla predicazione quaresimale a Napoli di Bernardino Ochino. La sua conversione ispirò Juan de Valdés nella stesura dell'Alfabeto cristiano, dialogo tra il Valdés stesso e la nobildonna mantovana. Impegnatasi a diffondere la conoscenza delle opere del Valdés, alla sua morte nel 1541 ne ereditò tutti i manoscritti

Nel 1553, allorché un'indagine inquisitoriale si stava già svolgendo a suo carico, si ritirò in monastero a Napoli. Sempre più sospetta di eresia, la morte, avvenuta nell'aprile 1566, pochi mesi dopo l'elezione di Pio V (gennaio 1566) la sottrasse a conseguenze peggiori. Ma la sua abitazione napoletana fu perquisita e il suo carteggio, sequestrato, fu il capo d'accusa principale della brutale persecuzione di Pio V contro quel che restava del gruppo degli "spirituali", la cui vittima più illustre fu Pietro Carnesecchi, che con la Gonzaga ebbe una fitta corrispondenza.

BibliografiaModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.